gnudi al profumo di basilico

Gnudi al profumo di basilico su melanzana vellutata e la sua buccia.

gnudi al profumo di basilico

Recentemente, frequentando un corso di cucina, nello specifico quello tenuto da Angela Schiavina, la paladina del colto e mangiato e delle “cose buone di casa”, ho scoperto questo piatto della tradizione toscana che non conoscevo, e che mi ha piacevolmente stuzzicato, al punto da volerlo rifare subito, non senza avergli apportato però, qualche piccola modifica, per avvicinarli un po’ di più a quello che è il mio gusto.
Spero di essere perdonato se ho un pò stravolto la ricetta tradizionale, ma, vi invito a provarli, poi mi dite come li preferite!

dose per circa 20 della dimensione di una noce
per gli gnudi
350 gr di ricotta di pecora
60 gr di parmigiano reggiano
1 cucchiaio di pane grattugiato
1 cucchiaio di farina
1 uovo grande
basilico una ventina di foglie
scorza di mezzo limone grattugiata
sale e pepe qb

per il condimento
2 melanzane lunghe
olio evo
sale e pepe qb
parmigiano reggiano

gnudi al profumo di basilico

battere il basilico con il coltello fino ad ottenere un trito finissimo.
Stemperare in una terrina con un cucchiaio di legno la ricotta scolata dal suo siero, aggiungere, continuando a mescolare, il formaggio, il pane, l’uovo, la farina, il trito di basilico, la scorza del limone e aggiustare di sale e pepe;
mettere l’impasto a riposare in frigo, e nel frattempo preparare la vellutata di melanzane:

gnudi al profumo di basilico

sbucciare le melanzane con il pelapatate e ridurle a tocchetti, saltare in padella antiaderente già calda aggiungendo un po’ d’acqua. A cottura effettuata mettere nel bicchiere del frullatore ad immersione, aggiustare di sale e pepe e aggiungere l’olio extra vergine di oliva a filo, fino ad ottenere una bella crema. Tenere da parte.
Con l’impasto di ricotta formare con le mani infarinate delle palline della grandezza di una noce fino ad esaurimento dello stesso.

gnudi al profumo di basilico

gnudi al profumo di basilico

Portare a bollore una pentola di acqua salata e, cucinarvi gli gnudi pochi per volta, senza far perdere il bollore all’acqua per circa 7/8 minuti, scolare bene e servire sulla vellutata di melanzane con un filo di olio e un po’ di parmigiano.
Per decorare ho usato qualche buccia di melanzana tagliata a julienne e fritta.
Ci stava bene anche una fogliolina di basilico, ma le avevo usate tutte per il trito!!

Se si preferisce si possono anche gratinare in forno, magari lasciando un po’ indietro di un paio di minuti la cottura degli gnudi in acqua.

gnudi al profumo di basilico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...